11 giugno 2012, Olimpiyskyi, Kyiv
Il raddoppio di Andriy Shevchenko, che aggira Zlatan Ibrahimović e lascia a Mikael Lustig il dubbio se alzare il braccio o meno per deviare il pallone e farsi espellere